profumi cloroformio

Occupiamoci nel dettaglio di un’altra stupidissima leggenda metropolitana,(post rimosso da facebook) in questo caso arricchita da una foto ( post rimosso da Facebook)  di una zingara in un parcheggio che non ha nessuna relazione con il messaggio originale. La foto (post rimosso da facebook) sembra essere stata pubblicata per accrescere l’allarmismo visto che gli zingari sono sempre stati considerati i ladri per eccellenza.
Secondo questo messaggio di larga diffusione, i criminali stanno usando l’etere camuffato in un profumo per debilitare le vittime e derubarle. Il messaggio afferma che i criminali si spacciano per venditori di profumi nei parcheggi e chiedono ai passanti di annusare il campione. Presumibilmente, il profumo è corretto con una sostanza così potente che chi l’annusa perde immediatamente i sensi, in questo modo i ladri possono facilmente derubare le vittime. Ci sono varie versioni sui social media che affermano che i ladri usano biglietti da visita impregnati di un profumo al cloroformio per debilitare le vittime.
Tutti questi avvisi sono falsi e NON devono essere presi sul serio. Sono tutti reincarnazioni di leggende metropolitane molto vecchie che stanno girando dal 2000. Varie versioni hanno circolato in differenti paesi come Stati Uniti, Australia, Nuova Zelanda, Regno Unito e Irlanda del Nord
Nel 1999, Bertha Johnson di Mobile Alabama ha dichiarato di essere stata aggredita e derubata da assalitori che hanno usato una sostanza debilitante in un profumo. La storia è stata riportata dai media locali e presto si è diffusa su Internet, mutando mentre si diffondeva. La storia cambiò dall’essere un semplice ed isolato incidente ad un avviso mozzafiato che affermava che questi attacchi erano comuni e su larga scala. Tuttavia, non ci sono notizie credibili o rapporti di polizia che suggeriscono che questi tentativi di furto stiano accadendo frequentemente. Infatti, anche la storia originale potrebbe essere falsa. Gli ultimi esami tossicologici del sangue e delle urine di Bertha Johnson non hanno rilevato sostanze anomale. Quando il furto descritto è avvenuto, la Johnson era in possesso di una somma considerevole di denaro del suo datore di lavoro.
Inoltre, mentre il cloroformio è certamente in grado di far perdere coscienza alle persone, ci vorrebbe molto di più di una semplice sniffata per raggiungere lo scopo. Infatti, nonostante ciò che ci hanno fatto credere i film e gli sceneggiati, ci sono veramente poche sostanze, se davvero esistessero, che avrebbero questo effetto istantaneo dopo una o due sniffate all’aria aperta.
Tuttavia, ben più di dieci anni dopo, le versioni dell’avviso continuano a colpire le caselle email ed apparire sui social network. Come sempre, gli avvisi non sono mai stati confermati da nessun rapporto di polizia o da nessuna notizia giornalistica credibile. Le storie vecchie sono probabilmente rinate con foto di parcheggi reali con una zingara di spalle che non ha niente a che vedere con il messaggio originale. Naturalmente l’autore del post (account rimosso da facebook) gode nel vedere i commenti di odio che attira la foto relazionata ad una stupidissima ed inutile bufala.

Alcuni utonti (account rimosso da Facebook) con il profilo pieno di bufale hanno pubblicato questa sciocchezza cercando in tutti i modi di autenticarla con le bombolette di gas soporifero che i malfattori usano per stordire le vittime. Sappiate che è una modalità diversa, non ti avvicinano cercando di farti annusare un “profumo”, la quantità non sarebbe tale, come già spiegato, da farvi perdere i sensi, mentre usando la bomboletta vi somministrano una quantità di narcotico molto più grande.

Se trovate questa stupidissima ed inutile catena nella home, NON condividete il post ed avvisate il contatto che il messaggio è una bufala e NON deve essere preso sul serio.
Fonti:

http://www.hoax-slayer.com/perfume-bogus-warning.html
http://www.hoax-slayer.com/burundanga-warning.shtml
http://www.snopes.com/crime/warnings/perfume.asp
http://urbanlegends.about.com/od/crime/a/perfume_scam.htm
http://www.attivissimo.net/antibufala/cloroformio/cloroformio.htm
Per sdrammatizzare questa bufala veramente triste che ci ha invaso le caselle di posta ed adesso il social network, proponiamo una parodia che molti di voi conosceranno
http://attivissimo.blogspot.com/2006/03/truffa-alla-ikea.html

Latest posts by Highlander (see all)