bufala-carta-igienica-parlamento

Ritorna online dopo eventi elettorali, politici o, in questo caso, referendari, la bufala sull’acquisto di carta igienica da parte del Parlamento, con un costo che si aggirerebbe sui 17 euro a rotolo. Da una parte c’è da dire che non manca l’ umorismo ai siti satirici che da almeno 3 anni a questa parte avevano già pubblicato questa “notizia”. D’altra parte, bisogna senz’altro affermare che c’è ancora chi fa il copia-incolla di questi post e link per un proprio tornaconto personale, oltre al fatto (purtroppo) che c’è chi crede veramente a queste fesserie.

In ogni caso, la storia dei 17 euro a rotolo di carta igienica, prende senz’altro spunto da un articolo de Il Giornale, dove si parla dei presunti sprechi di carta (non igienica) , nello specifico panno carta, ma con ogni probabilità, prende spunto anche da articoli datati 2011, tipo questo, dove si denuncia, si fa per dire, lo spreco di carta destinata agli uffici e alle amministrazioni per stampe, fotocopie ecc.

Ora, ad onor di cronaca, è certamente vero che esiste uno spreco di carta in tal senso, ma per arrivare a pensare che il governo spenda 17 euro per un rotolo di carta igienica ci vuole molta fantasia, o forse poca per siti bufalari e pagine a caccia di click e like.

In ogni caso, senza fare conti in tasca a nessuno, personalmente posso dire per esperienza personale attuale, che la carta consumata e destinata alle pratiche burocratiche di ufficio delle amministrazioni locali, è una quantità considerevole se pensiamo ad esempio all’invio di raccomandate da parte di Enti e Istituzioni ai contribuenti insolventi. Un problema che purtroppo è dovuto a vari fattori, come ad esempio il sistema utilizzato in questi casi, che potrebbe essere migliorato grazie alla digitalizzazione, alla pec e alla firma digitale, evitando sprechi inutili, ma anche bufale di questo genere che prendono spunto da trend, vecchie notizie e attualità politica  come ha insegnato recentemente su RAI DUE a Nemo, Ermes Maiolica.

 

Ma tornando alla “nostra carta igienica”, l’ultimo articolo è stato pubblicato da un blog hostato su Altervista, dal nome che è tutto un programma: Il blog della Banda Bassotti, un titolo che la dice lunga sulla professionalità e attendibilità degli articoli postati, come è possibile constatare anche dallo screenshot di seguito, che evidenzia un grossolano errore di grammatica italiana, “incidente di percorso” molto comune su siti di questo genere.

cattura

In conclusione l’ennesima falsa notizia che torna in rete e sui social, scompare per un pò, poi ritorna al momento più opportuno, oppure no, dipende dai punti di vista.

Seguimi qui.

Daniel Parretta

Webmaster at MULTIMEDIA WEB SERVICE
Blogger, webmaster, webwriter, scrittore, artista polivalente,debunker e freelance. Mi considero innanzitutto una persona libera che esprime le proprie opinioni e idee senza preconcetti e condizionamenti. Mi occupo di tecnologia, internet e nuove comunicazioni, ma viaggio in continuazione dal mondo fisico e materiale a quello spirituale ed energetico puro, in perfetto equilibrio.
Seguimi qui.