vladimir-putin-terroristi

Una nuova, mirabolante episodio delle avventure di Chuck Norris Vladimir Putin, che in queste ultime (tragiche) ore sta ri-imperversando sulle bacheche Facebook con la sua “ultima” sparata, ovvero l’insopprimibile necessità di spianare la strada dei terroristi verso Dio. E chi meglio di lui? Già, peccato che Putin non abbia mai pronunciato quella frase, così come non ha mai detto il 70% delle baggianate razziste e populiste che gli vengono attribuite. Certo, è innegabile che non sia uno stinco di santo, ma da qui a uscirsene con cose del genere ce ne passa…..ricordiamo a tutti che anche in Russia esiste quella cosina chiamata “diplomazia”.

La prima comparsa della bufala risale al novembre scorso, all’indomani degli attentati di Parigi, e dopo una naturale parabola discendente è schizzata di nuovo in cima al gradimento dopo le bombe di Bruxelles. Di questo passo, saremo costretti a subirla ogni qualvolta un avvenimento internazionale di un certo rilievo la “risveglierà”. Ovviamente, essendo la “citazione” priva di qualsiasi fonte, data, spiegazione o circostanza, è universale, trasversale e passe-partout.

Snopes.com spiega abbastanza bene l’origine della bufala in questo post: la frase è stata di volta in volta attribuita alle figure più disparate, persino al Generale Norman Schwartzkopf che negli anni ’90 combatteva Saddam Hussein nell’operazione Desert Storm. Tuttavia, sembra essere una variante di una frase “motivazionale” usata nei campi addestramento militari americani degli anni ’80, oppure, addirittura, una derivazione di una frase che si ritrova in un codice cistercense ad opera dell’abate Arnaud Almaric.

Cosa c’entra Putin in tutto questo? NULLA!!!! Ecco perchè sarebbe bene far notare l’assurdità di questa bufala, altrimenti rischiamo che si propaghi veramente nei secoli dei secoli.