annamaria-franzoni

Il sito web Socialnotxweb riporta un articolo datato 21 Marzo secondo il quale Annamaria Franzoni, condannata a 16 anni per il delitto del figlio Samuele Lorenzi, sarebbe stata assunta dall’asilo nido Cip e Ciop di Cogne per insegnare il gender, scatenando polemiche da parte di genitori.

Ovviamente questa notizia è palesemente falsa, una bufala a dire il vero che gira online da qualche tempo, che fa leva su alcuni temi di attualità e cronaca e cioè la tematica gender sull’identità di genere , l’asilo nido di Pistoia che si chiama Cip e Ciop (non a Cogne peraltro) , teatro di violenze contro i bambini e che ha visto la condanna di alcune maestre, e ovviamente la stessa Annamaria Franzoni, che circa un anno fa ha ottenuto gli arresti domiciliari.

La notizia falsa è stata creata probabilmente riprendendo un’ altra bufala che circolava su Facebook circa un anno fa, secondo la quale Annamaria Franzoni avrebbe dichiarato di essere disponibile a lavorare come babysitter.

La notizia falsa di Annamaria  Franzoni assunta in un asilo nido viene riportata anche dal sito IlQuotidaino.wordpress che ovviamente nulla a a che vedere con la testata giornalistica Il Quotidiano.

E’ opportuno sottolineare come gli autori di questi articoli seguono i trend o si ispirino a fatti realmente accaduti per confezionare post sensazionalistici ma privi di qualunque fondamento. E’ superfluo inoltre sottolineare che tali siti non compaiono tra i risultati di Google News, non avendo le caratteristiche e i contenuti di qualità per poter comparire in questa particolare e prestigiosa SERP (Search engine results page), in quanto tali.

Articoli e notizie inverosimili che creano solo polemiche e commenti inutili, facendo oltretutto perdere tempo alle persone, perchè sì, c’è gente che ci crede un po’ per ingenuità e un po’ per ignoranza in materia di news e relative verifiche, in considerazione anche del fatto che, ancora si crede che social network come Facebook siano siti di notizie, dove potersi tenere informati e… informare gli altri!

Riguardo alla satira o presunta tale, vale almeno per me la regola “La satira vera fà ridere tutti e chiunque sempre, la bufala fa ridere per un attimo solo i debunker”.

 

 

 

Seguimi qui.