Questa bufala orribile è stata creata da uno sprovveduto per un esperimento sociale. Voleva vedere quanta gente cascava nella sua trappola e dopo una settimana circa ha rimosso il post con più di 30.000 condivisioni. Inutile discutere la bufala nel dettaglio, più in basso riporto le fonti. C’è da dire che nonostante il post originale fosse stato eliminato, alcuni utonti completamente privi di materia grigia, hanno creato altri post sorgente che hanno generato oltre 200.000 condivisioni. Con l’aiuto del gruppo antibufale e della pagina dell’Istituto Mario Negri che ha smentito dopo essersi trovato coinvolto in questa assurdità, eravamo riusciti a rimuovere tutti i post originali e di conseguenza le condivisioni, ma purtroppo questa bufala potrebbe girare ancora. Se vedete ancora girare questa foto per favore segnalatecela immediatamente. I genitori di Chrissy Nelson, la bambina raffigurata che è morta di leucemia nel 2004, sono su Facebook e potrebbero vedere la foto della figlia usata per questi scopi ignobili. Gli sciacalli che continuano a pubblicare la bufala cercano solo di fare pubblicità alla loro pagina o profilo. Segnalateli senza indugi, non ci deve essere spazio per questi esseri spregevoli in una comunità di persone decenti.

Ovviamente la regola d’oro vale sempre:
http://bufaleedintorni.wordpress.com/2013/11/28/non-fatelo/
Fonti:
Attivissimo

Corriere del Veneto